Naturopatia Spagyrica

carta_paracelso

Spagyria 

da SPAO: separare e AGEIRO: riunire

Nei rimedi spagyrici vengono separati i principi della pianta, purificati e successivamente riuniti. Il processo di separazione e riunificazione risveglia la pianta rendendola pienamente attiva poiché permette di eliminare la componente pericolosa e impura dalle formulazioni. 

Questo processo prevede distinti passaggi: la fermentazione per far sviluppare l’alcool della pianta, la distillazione, la calcinazione e la lisciviazione. Si ottiene così una quintessenza, energia purificata dal potenziale terapeutico molto elevato che va ad agire su tutti i piani del sistema umano: spirito, anima e fisico. 
Questi rimedi, depurati e perfettamente assimilabili dall’organismo sono totalmente innocui, privi di effetti collaterali e non interferiscono in alcun modo con qualunque altro tipo di rimedio o cura.

La naturopatia Spagyrica non si esaurisce con la preparazione dei rimedi ma è una vera e propria arte del curare. Dopo aver appreso i vari squilibri della persona, attraverso una precisa mappatura, si individuano gli eccessi e difetti archetipici che la persona riporta, a partire anche dalla semplice costituzione, e dopo un’attenta analisi, viene proposto un rimedio spagyrico che porta con se un impulso, attraverso il quale, la persona ritroverà la strada verso l’autoguarigione
La scelta delle piante avviene secondo la concezione alchemica che il macrocosmo si riflette nel microcosmo. Attraverso questo principio di analogia è possibile riconoscere le caratteristiche e le qualità delle piante da utilizzare per riequilibrare l’organismo.

La scelta delle piante avviene secondo la concezione alchemica che il macrocosmo si riflette nel microcosmo. Attraverso questo principio di analogia è possibile riconoscere le caratteristiche e le qualità delle piante da utilizzare per riequilibrare l’organismo.

“La natura è il primo e il più grande alchimista: la trasformazione della materia non è altro che la vita” 

Paracelso